Alla ricerca dei garibaldini scomparsi


Il progetto “Alla Ricerca dei garibaldini scomparsi” si avvale di un database online sul sito dell’Archivio di Stato di Torino, contenente le informazioni sui quasi 35.000 garibaldini che si unirono nel corso dei mesi all’esercito del generale Garibaldi.

Per ricostruire  la complessa articolazione di uno dei più grandi eserciti volontari della storia d’Italia ci si è avvalsi di tre imponenti nuclei documentari conservati nell’Archivio di Stato di Torino: Mille di Marsala, Esercito Italia Meridionale e Archivio militare di Sicilia e della serie dell’Archivio di Stato di Genova: Prefettura di Genova, Matrici di passaporti, riguardanti  le concessioni di passaporti rilasciati in Genova a molti volontari delle spedizioni successive a quella guidata dal generale Garibaldi.

Il progetto, non ancora concluso, ha fatto emergere i nomi di circa 35.000 garibaldini;  molti sono i casi di omonimia, che potrebbero risultare essere la stessa persona, ma dei quali, al momento, non è possibile accertare l’identità per mancanza di informazioni comparabili.
Le schede nominative dei volontari presenti sul sito non sono uniformi, perché le fonti sono disomogenee: una parte di esse registra analiticamente, oltre alla vicenda militare del garibaldino, dati anagrafici, dati relativi  alla sua provenienza e professione, fino alla sua descrizione fisica; il nucleo più consistente riporta solo il nome, il cognome, il grado e il corpo di appartenenza del volontario. Molte schede nominative, infine, sono il prodotto di più acquisizioni provenienti da registri o elenchi diversi.

Per la ricerca nell’archivio vai su http://archiviodistatotorino.beniculturali.it/work/garb_search.php